medioexpo

E’ una vetrina per Aziende Sponsor che si propongono e propongono l’incremento di Nozze o altri eventi  a tema Medievale.

Ma č anche uno spazio pubblicitario…

Attraverso la Medieval Card si vuole creare una rete di servizi che consentano ai suoi abbonati di usufruire di particolari agevolazioni e di Sponsor per chiunque voglia Sposarsi con la cultura …

la cultura Medievale

La Medieval Card nasce per agevolare chi vuole sponsorizzare le proprie Nozze a Tema, a Tema Medievale appunto … ma non solo.

I’Alimentazione, l’artigianato, gli usi e i costumi ,le rievocazioni, i percorsi didattici e turistici, l’etnomuseologia, la letteratura, i canti e la musica, gli spettacoli nel Medioevo … tutto questo ed ancora altro sono gli argomenti di interesse dei nostri abbonati.

Vogliamo cosě sostenere tutti coloro che condividono il nostro stesso percorso culturale, e soprattutto chi ama cosě tanto tuffarsi nel passato da rendere speciale il proprio Matrimonio.

Le Nozze possono cosě diventare un evento culturale ed un giorno realmente divertente e speciale.

Gestione del denaro pubblico

Considerato che il denaro pubblico deve servire al benessere della collettività, il P.P. propone:
STABILIRE per legge che il massimo stipendio pubblico, non dovrà essere superiore di 7/8 volte a quello minimo: perchè, se lo stato dice che un cittadino con famiglia può vivere con 20/25 mila euro lanno, perchè i dirigenti e i politici possono vivere con 150/180 mila euro lanno? (Si tratta di equilibrare una situazione squilibrata!) Sono da escludere da questa norma i contratti a termine con i manager pubblici che garantiscono un cospicuo attivo di bilancio economico e di affermazione del prodotto allinterno ed allesterno della nazione alle aziende pubbliche o con partecipazioni pubbliche che producono prodotti e servizi in concorrenza con le aziende private nazionali ed internazionali che ricollocano il personale senza licenziarlo.
Chi ha interesse a guadagnare 20/ 25 o 40/ mila e più euro al mese, che svolgesse unattività libera, con tutti i rischi che essa comporta.

MARE

Il sistema utilizzato da MARE@ per la distribuzione del servizio internet a banda larga si basa sulla tecnologia WiFi.
Le reti WiFi sono infrastrutture di grande solidità funzionale e di veloce attivazione e permettono di realizzare sistemi flessibili per la trasmissione di dati usando frequenze radio.

La rete MARE@ è stata pensata e disegnata per garantire continuità, alta qualità di servizio e sicurezza.
Il nostro progetto tecnico prevede l’impiego di apparati radio che lavorano alle frequenze di 5,4Ghz e 2,4Ghz e che trasportano via etere la banda larga da aree già servite a aree da coprire col servizio

Gli apparati a 5,4Ghz
(fig.1) conformi allo standard Hiperlan vengono utilizzati per coprire lunghe distanze essendo in grado di trasportare grosse quantità di dati in punti siti anche a 30-40 Km dall’antenna.

Gli apparati a 2,4Ghz (fig.2), invece, sono solitamente impiegati per coprire distanze minori, fino a 3-4Km, e principalmente per trasmettere il segnale direttamente all’utente finale.

La flessibilità della nostra rete ci consente anche di studiare soluzioni di collegamento end-user a 5,4Ghz laddove le condizioni ambientali rendessero non praticabile o poco soddisfacente la modalità standard a 2,4Ghz.

A dispetto della loro elevata efficenza, questi apparati hanno una modestissima potenza di emissione: 1Watt per quelli a 5Ghz e 0,1Watt per quelli a 2,4Ghz rispettivamente 1/3 ed 1/30 della potenza di emissione di un comune cellulare!

Tutti i dati che transitano sulla rete MARE@ sono protetti da robusti protocolli di criptazione che utilizzano i più sofisticati algoritmi di cifratura attualmente disponibili a garanzia di una elevatissima sicurezza contro qualsiasi tipo di intrusione fraudolenta.